Archivi categoria: Rassegna Stampa

COMUNICATO STAMPA : Giornata Ecologica, anche il Sindaco “sceso in campo”

Sant’Elena Sannita (Isernia) si fa bella in vista anche della stagione estiva e di questo. l’Associazione I Love Molise (AILM), la cui sede è proprio a Sant’Elena Sannita, ne è molto soddisfatta. Il tutto in un borgo che punta al rilancio anche turistico, tant’è che da non molto tempo si è aperta nel pieno centro storico anche la prima struttura ricettiva di Sant’Elena Sannita, il B&B Stella del Nord (tel. 368.3961812, www.stelladelnord,it) che si trova a 2 minuti a piedi dal celebre Museo del Profumo (tel. 0874 890059, www.ilmuseodelprofumo.it); un binomio che sta avendo successo attirando l’attenzione di visitatori provenienti da ogni parte d’Italia e anche d’Europa.
Sabato 25 maggio, grazie alla Giornata Ecologica come dice il celebre detto “Pochi, ma buoni” Sant’Elena Sannita come per incanto è tornata a brillare. Pochi ma buoni perché non si è potuto fare affidamento su chi inizialmente aveva deciso di venire a Sant’Elena in occasione delle elezioni, ma che poi ha rinunciato stante il tempo incerto di questo inclemente mese di maggio.
Comunque sia, almeno per la giornata di sabato le condizioni meteo hanno dato una tregua e coloro che erano venuti per il weekend e molti dei residenti si sono rimboccati le maniche e si sono messi all’opera fin dalle prime ore del mattino.
Al Saletto sono entrate in azione le ragazze santelenesi Lia, Licia, Carmen che, armate di ramazze, guanti da lavoro e sacchi per le immondizie hanno portato tutto a lucido e hanno anche ridato nuovo ossigeno all’aiuola che si trova ai piedi della Statua dell’Arrotino.
Poco più in là, in corso Garibaldi e per le vie del centro storico si sono viste all’opera altre persone, tra i quali consiglieri comunali Nicola Coladangelo, Nicola Pette, Gabriele di Bella, Gregorio Valente quest’ultimo che, instancabile, ha iniziato prima di tutti essendo all’opera già dalle 7 del mattino. Tra i tanti, anche l’ex vicesindaco Mimi Terriaca padre dell’attuale Primo Cittadino.
Anche il Sindaco, Giuseppe Terriaca, ha dato il suo fattivo contributo: con jeans e maglietta sportiva ha imbracciato un decespugliatore e ha fatto piazza pulita delle erbacce.
Un mezzo del Comune ha fatto la spola tra i vari punti per raccogliere i sacchi di immondizia. Sant’Elena Sannita nel suo complesso non è mai sporca, e la “battaglia” più dura è sempre quella con Madre Natura. Quando si alza la Voira, cosa che è ben nota, gli alberi vengono scossi energicamente dalle folate di vento e le foglie arrivano anche in parti del borgo dove un albero non si è mai visto da secoli. Quindi, sabato 25 maggio si è sudato un po’ per il caldo, stante la giornata di sole, e un bel po’ per fronteggiare le erbacce che nel giro di pochi giorni si erano infittite tanto da riuscire a trovare spazio anche tra i sampietrini delle stradine e i muretti a secco e diventate alte anche più di un metro lungo le vie e nei campi. È stata ripulita anche l’ampia area verde dei Pagliarini, con dove ora il parco giochi è tornato usufruibile dai bimbi di Sant’Elena Sannita ed è pronto ad accogliere anche quelli che a breve, chiuse le scuole, verranno qui per le vacanze estive.

 

Sant’Elena Sannita (IS), borgo della Cultura e del Profumo

Il Museo del Profumo ha ospitato la fase finale del Concorso Nazionale “Profumi di Poesia”. 12 i premiati nelle diverse categorie. Il Sindaco Terriaca: “Crediamo fortemente in questa iniziativa. Il prossimo anno siamo pronti a ospitarla nuovamente”

Il borgo di Sant’Elena Sannita (Isernia) sempre più alla ribalta sullo scenario non solo del Molise, ma anche su quello italiano. A dare ulteriore lustro al paese noto per i suoi arrotini e profumieri, ora anche il concorso letterario “Profumi di Poesia” che ha visto concorrere moltissimi appassionati di componimenti poetici e anche di narrativa.

L’evento, che aveva mosso i suoi primi passi la scorsa primavera, ha avuto una notevole partecipazione e per la Giuria – presieduta da Antonio Veneziani, poeta, scrittore, critico e saggista – è stato tutt’altro che semplice selezionare le opere migliori data anche l’alta qualità delle stesse.

Un concorso organizzato dall’Associazione Culturale Fusibilia e che ha visto il patrocinio del Comune di Aprilia (LT), del Comune di Sant’Elena Sannita e del Museo del Profumo di Sant’Elena Sannita mentre Sponsor del festival sono stati la casa profumiera Rancé Profumi imperiali dal 1795 e la Profumeria Prioli (la famiglia Prioli è originaria proprio di Sant’Elena) di Aprilia.

12 i vincitori, suddivisi in 5 categorie (Poesia inedita, Haiku, Silloge di poesia inedita, Libro edito di poesia, Racconto breve), giunti in Molise per ritirare il premio dalla Lombardia, dal Trentino, dal Veneto, dalla Puglia, dal Lazio, dalla Campania e da altre regioni italiane; tra questi, giornalisti, scrittori, poeti, musicisti, tutti accumunati dalla passione dello scrivere.

Insomma, per un giorno Sant’Elena è stata “l’ombelico d’Italia”, centro nevralgico della Cultura con la “C” maiuscola come hanno sottolineato coloro che hanno dato vita all’evento Dona Amati e Antonella Rizzo.

Ad allietare la manifestazione, uno dei premiati, il noto flautista Vincenzo Mastropirro. Gli onori di casa sono stati fatti dal vice sindaco Nicola Pette: “Per il nostro borgo è un onore poter ospitare un evento così importante – ha detto il vicesindaco nel portare il saluto dell’Amministrazione comunale – Si tratta di una grande soddisfazione anche perché il Museo del Profumo è una giovane realtà che sorge in un luogo dove le tradizioni sono forti e sentite dall’intera popolazione”.

Il presidente della Fondazione Il Cammino del Profumo, Massimo De Tollis e il Sindaco Giuseppe Terriaca, sono stati assenti giustificati avendo degli impegni pregressi istituzionali.

Il Sindaco Terriaca si è detto entusiasta per questo concorso nazionale: “Quella che si è svolta è stata la prima edizione – ha dichiarato il primo cittadino – e siamo veramente contenti che la cerimonia di premiazione si sia svolta a Sant’Elena. Siamo un piccolo borgo dalla ricca storia e circondati da una natura fantastica, ma il desiderio di poter essere un punto di riferimento anche per la cultura è molto forte. Profumi di Poesia è il connubio perfetto per il nostro borgo, unendo la tradizione profumiera con le Arti letterarie. La manifestazione si è appena conclusa, e tutti noi siamo già al lavoro in vista dell’edizione del prossimo anno e, date le premesse, siamo convinti sarà ancora un successo e porterà ancor più turismo di qualità a Sant’Elena”.

Per la cronaca, i premiati sono stati i seguenti:

Poesia inedita:

1° classificato: Vincenzo Mastropirro per T’insegnerò l’attesa

2° classificato: Quintino Di Marco per Effetti e difetti di una dieta

3° classificata: Daniela Dante per Pelle

Menzione di merito a Maria Giuseppina Campagna per Tempeste di ricordi

Haiku:

1° classificato: Roberto Timo

2° classificata: Ada Crippa

3° classificato: Fulvio Cesario

Menzione di merito a Marcello Signorini

Silloge inedita:

1° classificata: Ilaria Palomba per Addosso

2° classificato: Vincenzo Mastropirro per A metà del guado

3° classificata: Veruska Vertuani per Foglie di anima

Menzione di merito a Marino Santalucia per Norma Cilan. L’altra me

Menzione di merito a Lucia Triolo per Le favole e le parole

Libro edito di poesia:

1° classificato: Ignazio Gori per Dio dell’abbandono

2° classificata: Simone Lucciola per View-Master

3° classificato: Francesco Rossi (in arte Igor Issorf) per Frammenti di un canto amoroso

Menzione di merito a Maria Grazia Anglano per Parola gomena

Menzione di merito a Giuseppe Guidolin per Le intermittenze dei petali

Racconto:

1° classificato: Roberto Campagna per La bestemmia fatale

2° classificata: Laura Daniele per Dalla finestra

3° classificata: Antonella Bernava per Teodoro

La giuria è stata composta da: Antonio Veneziani, poeta, scrittore, critico e saggista; Susanna Schimperna, giornalista scrittrice e astrologa; Ida Di Ianni, docente, poeta, saggista, editore; Alessia Pizzi, giornalista, saggista; Maurizio Valtieri, docente, scrittore, critico.

Da Sant’Elena Sannita (IS) l’appello a reinserire l’ora di Educazione Civica nelle scuole

Il Sindaco Giuseppe Terriaca: “L’Anci ha promosso una petizione per raccogliere le firme di cittadini per chiedere che questa importante materia torni ad essere insegnata. E noi appoggiamo questa iniziativa al 100%. Le firme a Sant’Elena Sannita si raccolgono in Comune e sul corso cittadino”

 

Cosa significa essere un buon cittadino? Conoscere tutto quello che fa parte della vita di tutti i giorni e che riguarda tutti. Potrà sembrare incredibile, ma ci sono tante persone che non conoscono ancora come funziona un Comune, una Provincia, una Regione; che non sanno quale sia la funzione del Parlamento e quella dei Ministeri; che non sanno cosa sia realmente la figura di un consigliere comunale, di un sindaco, di un dirigente pubblico e via dicendo.

La responsabilità in tutto questo è dovuta anche al fatto che nelle scuole non c’è più l’Educazione Civica, una materia che un tempo insegnava l’ABC ai giovani studenti, coscienziosi e consapevoli adulti del domani.

Ecco perché l’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) ha promosso recentissimamente una petizione per raccogliere le firme dei cittadini per chiedere che questa importante materia torni ad essere insegnata.

Moltissime Amministrazioni municipali e non solo vi hanno aderito con entusiasmo, e tra queste quella del piccolo borgo montano di Sant’Elena Sannita (Isernia) dove risulta in lieve crescita la popolazione giovanile seppur da tempo non vi sia più un istituto d’istruzione e i ragazzi e le ragazze devono frequentare giocoforza le scuole limitrofe.

Ora è pronta una Proposta di Legge per far reintrodurre l’ora di Educazione Civica, e l’Anci ha pensato che fosse un’ottima idea farla conoscere alla popolazione promuovendo la racconta firme. È il Comune di Sant’Elena Sannita ha subito aderito e già sono state fissate le prime date per la raccolta firme e la campagna d’informazione.

Il primo appuntamento è per sabato 11 agosto ed altre date verranno via via comunicate. La petizione si potrà firmare presso un gazebo sul corso principale o in Comune.

Il sindaco, Avvocato Giuseppe Terriaca. i componenti della Giunta e i Consiglieri Comunali saranno presenti per illustrare con semplicità cosa si chiede e perché è importante questa proposta di legge per la reintroduzione dell’Educazione Civica nelle scuole.

Ripristinare l’ora di Educazione Civica nelle scuole è oggi più che mai indispensabile. Educare un cittadino fin dall’infanzia – ha sottolineato il Sindaco Terriacasui valori contenuti nella nostra Costituzione (su concetti che riguardano tutto quanto compreso, quali anche l’alimentazione, la società, la salute, l’ambiente e tanto altro ancora) vuol dire renderlo più “consapevole” e, quindi, più partecipe alla vita sociale. E tutto ciò non potrebbe che non avere una ricaduta migliorativa e positiva sulla Società nel suo insieme. Sostenere questa Petizione dell’Anci è importante e tutti dovrebbero apporre la loro firma. Anche chi non risiede a Sant’Elena Sannita e che in questi giorni estivi si trova qui in villeggiatura, la può firmare presso il banco predisposto dal Comune”.

Comunicato Stampa

Sant’Elena Sannita (IS), il Museo del Profumo volano per il turismo e l’economia del Molise

Il polo museale ospiterà il 17 agosto l’importante evento “Profumi e Sapori del Molise / Un’opportunità turistica da valorizzare”. Interverranno anche il Presidente della Regione Donato Toma, il vice presidente del Consiglio Regionale Gianluca Cefaratti e il consigliere regionale Andrea Di Lucente. Il Sindaco Terriaca lancia un invito al Ministro per le politiche agricole, alimentari e forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio affinché venga a conoscere di persona Sant’Elena.

 

Con la bella stagione il piccolissimo borgo di Sant’Elena Sannita (Isernia) torna a popolarsi di vacanzieri. Fanno ritorno soprattutto le famiglie e i loro discendenti che negli anni lasciarono il paese in cerca di fortuna e che divennero prima arrotini e poi profumieri.

Tradizioni e legami forti che resistono al trascorrere del tempo tanto che ormai Sant’Elena Sannita viene definito normalmente il “Borgo degli Arrotini e dei Profumieri”.

Ma questa è l’estate in cui il Museo del Profumo, polo museale fiore all’occhiello di Sant’Elena Sannita, avrà un ruolo centrale per catalizzare l’attenzione sia dei buongustai così come gli amanti delle tradizioni, della cultura e anche della natura visto che qui è presente un orto botanico che comprende tra l’altro 32 piante autoctone la gran parte delle quali usate per la creazione di fragranze profumate.

Il Museo del Profumo, quindi è e sarà un volano anche per l’economia e il turismo nel borgo, dove proprio di recente si è aperto un B&B, la prima struttura ricettiva mai qui sorta.

Di questo e di altro si parlerà il 17 agosto, a partire dalle ore 17.00 presso la sala convegni del Museo santelenese in occasione della XV Edizione delle Giornate De Il Camino del Profumo, promossa dalla Fondazione Il Cammino del Profumo in sinergia con l’Associazione Culturale Libero Pensiero e che vede il Patrocinio del Comune di Sant’Elena. Il titolo dell’evento è “Profumi e Sapori del Molise / Un’opportunità turistica da valorizzare”.

Sono previsti gli interventi del Presidente della Regione Molise, Donato Toma; del vice presidente del Consiglio Regionale Gianluca Cefaratti; del consigliere regionale Andrea Di Lucente; gli esperti di cultura popolare, i demologi Claudio Papa e Mauro Gioielli; lo storico Franco Valente; il presidente della Fondazione Il Cammino del Profumo, Massimo De Tollis; il Presidente dell’Associazione Culturale Libero Pensiero, Domenico Mancini; il sindaco di Sant’Elena Sannita, Avvocato Giuseppe Terriaca.

Per il nostro borgo è un onore poter avere un polo museale e di studio botanico così importante – sottolinea il Sindaco TerriacaSi tratta di una realtà in crescita che porta molto lustro non solo al Borgo santelenese, ma anche a tutto il Molise. Ma il progetto non è ancora completamente realizzato. Difatti bisogna ancora far partire la fase inerente la formazione delle persone e la produzione in loco delle essenze al fine di recuperare il settore agricolo abbandonato e contribuire, così la creazione di nuove opportunità lavorative”.

Giustamente orgoglioso anche il presidente della Fondazione Il Cammino del Profumo; “Da quanto il Museo ha aperto i battenti, pochissimi anni fa ­– ha detto Massimo De Tollissi è registrata un’attenzione costante verso il Museo e il suo orto botanico. Sono sempre più le persone che visitano le sale dove sono esposti oltre 1.700 profumi e anche gli appassionati di botanica vengono sempre più numerosi. C’è da evidenziare come, tuttavia,il progetto del polo museale non potrà dirsi concluso se non quando verrà realizzato il Centro Studi del Profumo, indispensabile per trasmettere la cultura del profumo nella sua intera filiera ossia partendo dalla coltivazione e poi compiere i vari passi per poter diventare, alla fine del percorso, un centro studi italiano d’eccellenza. Un progetto ambizioso, è vero; ma è un progetto fattibilissimo e che avrà immense ricadute non solo a livello locale, ma anche del Molise e ben oltre i confini regionali e, perché no?, nazionali. Un progetto, quindi, che ha oggi più che mai ancora necessità del fattivo supporto delle Istituzioni preposte”.

E non vi è dubbio che si tratti di uno specifico appello anche al Ministro Gian Marco Centinaio, a capo del nuovo dicastero per le politiche agricole, alimentari e forestali e del turismo: “Il Mipaaft ora si occupa sia di Turismo sia di Agricoltura – ha aggiunto il Sindaco Terriacaquesto vuol dire che avrà un doppio interesse nella crescita e nell’evoluzione del Museo del Profumo. Ecco perché inviterò il Ministro Centinaio a venire di persona nel nostro Borgo per vedere tutte le potenzialità che Sant’Elena Sannita offre con il suo territorio e il suo polo museale”.

Comunicato Stampa

Sant’Elena Sannita (IS), attivato un punto di contatto dei Carabinieri

Il Sindaco Giuseppe Terriaca: “Un importante servizio per tutta la popolazione”

Sportello “punto di contatto / ricezione denunce” dei Carabinieri: presso il Comune di Sant’Elena Sannita,
ogni venerdì dalle ore 11.30 alle ore 12.30.

Sant’Elena Sannita (Isernia) è un piccolo borgo di poche anime che durante il periodo estivo vede incrementare notevolmente la popolazione. Tuttavia, per la stragrande parte dell’anno le persone sono poche e chi ha necessità di segnalare o denunciare un fatto deve recarsi fino a Frosolone dove ha sede la caserma dei carabinieri. Un problema specialmente per chi non ha dei mezzi per potersi spostare o è molto in là con gli anni. Continua a leggere

Sant’Elena Sannita (IS), verso la riapertura dell’ufficio postale

Il Sindaco Giuseppe Terriaca: “Un servizio essenziale anche per gli anziani”

Da qualche anno chi vive e lavora a Sant’Elena Sannita (Isernia) è costretto a doversi spostare in una località vicina per inviare una raccomandata, un pacco o anche per ritirare la pensione. A breve le cose cambieranno e tutte le pratiche si potranno fare direttamente in luogo. Continua a leggere

Sant’Elena Sannita (IS), 250 residenti, dice “No” all’arrivo dei migranti – Il Sindaco Giuseppe Terriaca: “Sarebbe un durissimo colpo per la nostra Comunità”

Sant’Elena Sannita (IS), 250 residenti, dice “No” all’arrivo dei migranti
Il Sindaco Giuseppe Terriaca: “Sarebbe un durissimo colpo per la nostra Comunità”
Il rischio è concreto: si potrebbe arrivare alla situazione paradossale che i migranti diventino in proporzione più dell’esiguo numero della popolazione residente a Sant’Elena Sannita. Un rischio concreto perché il Comune di Sant’Elena Sannita, poco più di 250 residenti, sta per vedere l’arrivo di un numero imprecisato di migranti. Stranieri di età adulta che verranno alloggiati da una Cooperativa preso una palazzina che si trova a poche centinaia di metri dal centro del borgo. Uno scenario che è stato confermato a viva voce dai referenti della Coop che erano stati invitati a prendere parte ad un Consiglio Comunale Straordinario convocato nel pomeriggio dello scorso 9 novembre in Municipio proprio per affrontare, discutere e fare chiarezza sulla “questione migranti”. Continua a leggere

Sant’Elena Sannita (IS) diventa un Comune solarizzato

Il Sindaco Terriaca: “Rispettato quanto promesso alla cittadinanza”

Sant’Elena Sannita (in provincia di Isernia) diventa un Comune “solarizzato”. In questi giorni, infatti, sono entrati in funzione i grandi pannelli solari che sono stati collocati sul tetto del Municipio.
Grazie a questi pannelli, di tecnologia tedesca, la sede comunale può usufruire dell’energia pulita del sole i cui raggi vengono captati e, quindi, utilizzati per alimentare tutte le utenze del Palazzo. Continua a leggere