Benvenuti sul sito di Sant’Elena Sannita

Sì imbocco l’autostrada, dopo un ora

a destra innanzi a me un segnale affiora.

Su quer cartello ce sta scritto “San Vittore”

da quer momento me se ingrossa er core.

Se tu vedessi che paesaggi che ce stanno

lo capiresti che te parlo senza inganno.

Te circondano montagne e prati verdi

che solo con lo sguardo te ce perdi.

Prima ch’ arivi poi a destinazione

dall occhi t’entra in fonno n’emozione:

tra la montagna e er cielo c’è un “gioiello”

che da ste parti tutti chiamano ”Castello”.

Vedessi te che bella cattedrale

n’immagine così te fa scordà ‘gni male.

Poi nascosto tra le curve, quando meno te l’aspetti

arriva er mejo de tutti li paesetti.

Se tratta de Sant Elena Sannita

ce trovi tutto pe apprezzà de più la vita.

Ce so li vicoli ‘ndo er  tempo s’ è fermato

‘ndo pure un cieco resterebbe li incantato

e ce ne’ pure pe chi c’ha er palato fine

l’accontentamo co l’abbacchio e fettuccine.

Se poi ci aggiungi er campanile co le belle chiese

t’accorgi che Dio qui non badò a spese.

D’inverno ce vive solo la natura

Ma basta quella a faje fa bella figura.

Viecce d’estate invece, ar 15 d’ agosto

pe quanto è pieno a stento trovi un posto.

Ce ne’ pe soddisfà tutta la gente

dar più tranquillo a quello più esigente:

ce so le coste pe li cori innamorati.

e c’è er “Saletto” pe li cori più invecchiati.

E poi ci so lì Pajarini,

orgoio e gioia de tutti quanti i ragazzini.

Poco fori dar paese poi, ce sta un bel posto

che de Sant Elena è l’amante più composto.

se la guarda co l’amore e co lo spasimo,

de che ve sto a parlà? Ma de San Cosimo!

In quella pace tra er verde e l’uccelletti

riposano du Santi stretti stretti.

Na vorta l’anno vanno a fà na passeggiata

portati a spalla da gente assai devota

Sto ber paese t’entra subbito ner core

pe disegnallo c’è voluto un gran pittore

er verde e l’aria bona je fanno da cornice.

Devi da visitallo se te voi senti felice.

Luciano Lembo (1982)